Chi ha scelto EPDItaly si racconta: Holcim Spa

Marco Salina РSustainable Product Development Manager e Riccardo Bianchi РPlant Manager Unità Produttive di Ternate and Merone РHolcim Spa

Quali sono le motivazioni principali che vi hanno spinto verso la certificazione volontaria EPD?

RB:¬†Holcim Italia in qualit√† di filiale italiana del Gruppo Holcim ne¬†condivide obiettivi e strategie. Pertanto con l’obiettivo di essere leader nella fornitura di soluzioni sostenibili e¬†innovative per costruire il progresso per le persone e il pianeta ed accelerare lo sviluppo ecologico delle nostre¬†citt√† offriamo prodotti e soluzioni la cui efficacia in termini di riduzione¬†degli impatti sull’ambiente¬†deve essere tangibile e¬†l’EPD¬†√® uno strumento per dare¬†dimostrazione concreta della qualit√† delle nostre¬†soluzioni.

Quale prodotto della sua azienda ha ottenuto la EPD? Quali sono le sue principali caratteristiche?

MS: In linea con quanto appena affermato da Riccardo, abbiamo deciso di procedere con l’EPD¬†per tutti i leganti inseriti nel nostro portafoglio prodotti. Le principali caratteristiche dei nostri prodotti evidenziate dagli indicatori dell’EPD sono l’emissione di CO2 specifica e la quantit√† di sostituzione termica derivante dall’utilizzo di combustibili¬†di recupero¬†in sostituzione dei combustibili fossili tradizionali.¬†

Quali sono i principali vantaggi ottenuti dalla pubblicazione della Dichiarazione Ambientale di Prodotto? Quali le ricadute sul consumatore finale?

MS: I¬†principali¬†vantaggi sono¬†¬†legati al fatto che questo documento ci consente di offrire¬†ai nostri clienti uno strumento aggiuntivo di scelta¬†per¬†compartecipare ai nostri obiettivi di sostenibilit√†. Grazie alle¬†informazioni oggettive, confrontabili e credibili sulle performance ambientali dei nostri prodotti,¬†contenute nell’EPD,¬†il nostro cliente infatti √® in grado scegliere il prodotto pi√Ļ idoneo, non basandosi esclusivamente sulle prestazioni meccaniche¬†e qualitative¬†ma¬†prestando attenzione all’ambiente¬†ed entrando cos√¨ a far parte del sistema di soluzioni che come azienda mettiamo in atto per raggiungere l’obiettivo net zero.

Pensa che EPDItaly possa contribuire a diffondere la cultura della sostenibilità di prodotto?

Certo, oggigiorno si parla ovunque di sostenibilit√† ambientale. Risulta quindi fondamentale che esistano delle fonti “autorevoli” sul tema. Credo che EPD Italy possa essere una di queste, rafforzando sempre pi√Ļ il suo ruolo di divulgazione di tutte le iniziative nazionali ed europee, di regolamenti e norme,¬†nonch√© di buone pratiche provenienti anche da aziende del settore privato.¬†

Quanto è importante, secondo lei, la presenza di prodotti sostenibili italiani all’interno di un Program Operator che fa del network internazionale uno dei suoi punti di forza?

RB: L’attenzione al pianeta oggi non √® pi√Ļ una questione di alcuni, √® una questione di tutti. Avere una visibilit√† Internazionale sulle performance ambientali dei nostri prodotti pu√≤ solo che aiutarci e aiutare il mercato italiano. Il confrontarsi con realt√† simili in un contesto internazionale permette ad ognuno di essere consapevole di ci√≤ che di buono sta gi√† facendo ma anche di quali margini di miglioramento ci possono essere.¬†E questo noi lo sperimentiamo ogni giorno grazie alla nostra dimensione di azienda multinazionale che ci consente un continuo scambio di know how ed expertise con le aziende del Gruppo. Questo aspetto¬†√® un’opportunit√† in pi√Ļ¬†¬†¬†anche per l’utilizzatore finale¬†in quanto √® in grado di valutare meglio le differenze¬†tra i¬†suoi possibili fornitori locali.¬†¬†